comincia rint' 'o mmo!comincia rint' 'o mmo!comincia rint' 'o mmo Letra

Comincia Adesso - 99 Posse

Quando Comincia La Notte - Franco Califano

Quando comincia la notte,

mi agghindo e poi parto

verso un flipper perverso,

per andare a giocare con i mille bottoni

che l'uomo vuol premere senza illusioni

e mi sento il padrone, lo schiavo, l'artista,

mi scelgo la giusta per far la conquista

di notte si vive di sesso e passione

ed io ne approfitto se sento il mio nome

così mi guadagno anche qualche carezza

che poi arruginisce sulla mia pelle

il cuore in penombra un po' vivo mi sembra,

ma inutilmente soli.

Soli si è, ai bordi del mondo

Soli si è, su strade di nebbia.

Quando comincia la notte,

mi spolvero i fianchi e mi liscio i capelli

e allora il mio specchio diventa finestra

e l'olfatto ricorda la poca minestra

e il primo pensiero è che l'uomo è uno scemo

che può avere il grano ma compera il fieno

poi prendo a noleggio per un paio d'ore

lo scassato biplano per un volo d'amore

che non s'alza da terra ma scende all'inferno

mi brucio la pelle, la bocca, il cervello,

ma mentre il mio cuore continua a rullare

lo sento che:

Soli si è, ai bordi del mondo

Soli si è, su strade di buio

Quando comincia la notte

si aprono i vecchi bordelli e le bische

ed io come adoro il sapore del fumo

succhiarmi il destino, poi fare casino

e bevo mi ubriaco rischiando la morte

se a volte a qualcuno un proiettile parte

e sudo poi sento che il trucco mi pesa

come il mio tempo come un'attesa

faccio credere d'essere l'unico al mondo

a qualcuna che timida gira un pò al largo

e poi quando comincia a calare la luna

lo sento che:

Soli si è, ai bordi del mondo

Soli si è, su strade di buio

Soli si è, ai bordi del mondo

Soli si è, su strade di buio

Comincia tu - Mina

Comincia Lo Show - Moda'

Tutti seduti comodi

Con i fucili carichi

In cerca di nuove vittime

Dentro uno schermo immobile

Pochi minuti e sarò lì

Pronto a schivare proiettili

Di quella armata di diavoli

Che vedon solo colpevoliVivo, morto, tra poco lo saprò

Il plotone è pronto a condannarmi o no, o noOne, two, three, four, comincia lo show

Scarica di colpi sullo schermo, scriverò

Mira bene, domani non ci sarò

Avanti un altroOne, two, three, four, finisce lo show

Fumano i fucili dei cecchini da TV

Cambia canale, riprova, sono ancora qui

ColpiscimiDa casa tutti psicologi

Con l'hobby dello stylist

Tutti campioni olimpici

Su quei divani comodi

Quanti dottori e maschere

Figli dell'inquietudine

Di chi sa di non essere

Quello che vuole essereVivo, morto, tra poco lo saprò

Il plotone è pronto a condannarmi o no, o noOne, two, three, four, comincia lo show

Scarica di colpi sullo schermo, scriverò

Mira bene, domani non ci sarò

Avanti un altroOne, two, three, four, finisce lo show

Fumano i fucili dei cecchini da TV

Cambia canale, riprova, sono ancora qui

Colpiscimi

ColpiscimiFate presto, accendete la TV

Tra poco siamo in onda, caricate quegli scoot

Sento già le voci dei plotoni da quassù

Mamma, chiudi gli occhi, non guardare pure tuUh

Signore e Signori, buonasera, sono venuti a trovarci i ModàOne, two, three, four, comincia lo show

Scarica di colpi sullo schermo, scriverò

Mira bene, domani non ci sarò

Avanti un altroOne, two, three, four, finisce lo show

Fumano i fucili dei cecchini da TV

Cambia canale, riprova, sono ancora qui

ColpiscimiOne, two, three, four, comincia lo show

Scarica di colpi sullo schermo, scriverò

Mira bene, domani non ci sarò

Avanti un altro

Dove Comincia Tutto - Pacifico

A Far L'amore Comincia Tu - Raffaella Carrà

Il Giorno Comincia Qui - Riccardo Fogli

Si Comincia A Cantare - Sergio Endrigo

L'anguilla - 99 Posse

So' comm'anguilla so' comm'anguilla

Ca comm'a piglie chella schizza

So' comm'anguilla

So' comm'anguilla so' comm'anguilla

Ca nun ce stà rint'a na rezza

So' comm'anguillaCome un'anguilla mi muovo veloce

Sguscio e rifuggo la fine precoce

Che mi hai preparato, il mercato è già pronto,

'a padella è sul fuoco ma io so' comm'anguilla

E pirciò cambio gioco e mando a ffà nculo

Te e il tuo mercato di gente per bene

Fatto di video e canzoni per bene

Buone per la tua realtà virtuale

La radio e la tele ne sono piene

Di facce serene e rassicuranti

Che van bene per tutti quanti

Mamme e bambini, ladri e assassini

Gente per bene che si offende se dico pene

E ppo votano a berlusconi, prodi, dini, d'alema, fini

Mo se porta pure 'a bonino

E va fà mmocc'a chi v'è mmuorto

È tutto quello che c'ho da dire

A torto o ragione, il fatto è che non so' per bene

La mia faccia non è serena

Incompatibile col sistema

Che ci vuole tutti quanti allineati e sorridenti

A lavorare nella grande catena di montaggio sociale

Nella quale lavoro da anni

E sono tanti anni che voglio sabotare

Sabotare e sovvertire

È questo il mio lavoro

E questo è quello che so fare

Sabotare e sovvertire

È questo il mio lavoro

Ma tu non lo puoi capire

Sabotare e sovvertire

Sabotare!Non mi avrete mai

Come volete voi

Non mi avrete mai

Come volete voiNon mi avrete mai

Come volete voi

Non mi avrete mai

Come volete voiNo non credere a chi

Promette miracoli

Parla di money money

Soltanto money money

No, non puoi fidarti di chi

Parla solo dei soldi

Al tuo bene non pensa ma

A quello dell'azienda sì

No no tu non credere a chi

Parla di marketing

Quando parla dei sogni

E delle tue passioni- mò!

Le strategie da manuale

Su di me non le puoi applicare

Quante volte lo dovrò spiegare

E tu ci terrai a precisare che

Dalle folle mi farai acclamare

V.i.p. potrò diventare

Tutti al circo a scenografare

Con la tigre ed il domatore-

Ma che cosa ci posso fare

Se non mi lascio ammaestrare

Sì lo so che se sto a sentire

Tanti soldi mi farai fare... ma

Sai l'anguilla cos'è? no!

No non é un serpente

Né uno strano pesce

È un modo di vivere

Scivola, zompa, compare e scomparisce

Chist'è 'o capitone e 'a storia nun fernesce

Mai mai mai mai mai

MaiNon mi avrete mai

Come volete voi

Non mi avrete mai

Come volete voiNon mi avrete mai

Come volete voi

Non mi avrete mai

Come volete voiNon fidarti di chi (no mai)

Non ne sa su chi sei (kenny d. mo)

Vuol vedere solo gli zeri

Numeri sull'airplay

Non fidarti di chi

Vuol farti fare ciò che non vuoi

Ma pensa solo a quello che senti

E denti stretti per noi (che vuoi?)

Penso che questa situa attuale

Non ti fa capire bene dove si va ma

La mia necessità vitale

E ti capire bene cos'è non va qua

Vedi ben adesso chi mette

Un veto sull'espressione

Chi ha un potere decisionale

Vale il peto della canzone

Oggi so di avere un valore

Un fuoco brucia per dolo

-gioco-

La merdina è dal sottosuolo

So che viene dal cuore

Dove nasce quello che

Chi sceglie la musica non capisce

Preferisce tutta la merda

Che rientra dentro le soglie

Un'anguilla cos'è?

Pensa se mo fa il rap

Scivola sulle basi

Frasi che colpiscono te!

Pensi che puoi fermare questo

Quando metto estro in un testo

Chi mi ascolta capisce il senso

…non avrete mai enzo!Non mi avrete mai

Come volete voi

Non mi avrete mai

Come volete voiNon mi avrete mai

Come volete voi

Non mi avrete mai

Come volete voiNon mi avrete mai come volete voi

Te l'ha detto già kenio

E il concetto vale pure int'o mmo!

Per Bandiera - Alejandro Sanz

Se La Gente Usasse Il Cuore - Andrea Bocelli

Säteet Ja Säkeet - a.s.a.

Kaaos tuli taloon ja räppää ku isäntä

Aurinko biitillä pumppaa tahtia

Säteet, säkeet on sun sisälläKirkkauden hetki räjäyttää kuvun

Taivas halkee, iso käsi tarraa suhun

Kello kakstoista, korkeelta kärkee

Valonuorat saapuvat kuplamme särkee

Pilvikerrosten takaa, risukasojen läpi

Uppoaa ikkunasta sisään syntymän syvälle

Läpi vaatteiden ja ihon solukudoksen

Gammasäteinä suoraan pieneen sydämeen

En saa happea, rinta niin täynnä rakkautta

Et rotsista lentelee ympärille nappeja

Pimeään. Kohti hamaa hautakiveä

Sähikäisinä välähtelee pitkin talojen rivejä

Varjoleikki laukaisee säkeiden sateen

Magneettiset kentät kantapäistä päälakeen

Usko pois, tää ei o mielenomaa

Mullan alla koputtaa päähän siemenkotaa

Siemenkodat kurottavat koppansa pintaan

Rikkovat kypärän. Ei mikää heitä pysäytä!

Kun iso käsi työntää sormet multaa

Valovoimaisena ravinnollaan peltomme kultaa

Lähtemäs käsistä, säteinä näpeistä

Lämpöä täynnä tippuu säkeitä säkeistä

Sadoissa väreissä taivaan tähdet

Tunnen nahoissani lähel samaa alkulähdet

Nyt sanon ra! Rakas mollukka!

Sinä jumalan silmä! Koronan alasin!

Jäimme jälkeen tai uudelleen synnyimme

Joka tapaukses palasimme luoksesi takasinKaaos tuli taloon ja räppää ku isäntä

Aurinko biitillä pumppaa tahtia

Säteet, säkeet on sun sisällä

Taivas yllä repeää keskeltä kahtiaTää on äiti amma, joka taivaassa palaa

Nää on isot deejiin kädet, jotka kaikkia halaa

Oon ollu tälle vuosia valmis

Valmiina olemaan, olemaan altis

Akkuja lataillen, siunattu sattuma

Sähköä säkenöivä rakkauden tappura

Ajatuksen voimalla tänään nostan hattua

Me ollaa arskan lapsia ja se on toisista hassua!

Pois liukua läpi madonreikiä näyttäviä

Voit kikattaa pitkin kaktusten käytäviä

Jokeltaa ihmeellisellä kielellä käävän

Sukeltaa pää edellä syvälle päähän

Kirkkaaks käy, limittäiset teoriat yhdistyy

Ja vanhat rattaat kärsimyksen ruostuu

Ensimmäisestä ovesta pääsee sisään

Kun pieneksi pisteeks auringonpinnalla suostuu

La Bilancia - Aban

Pesa le mie parole pesa le tue parole

Big P, G.Bersa e questo è quanto

a ognuno il suo(a ognuno il suo)

io faccio il mio(io faccio il mio)

è Southfam Thug Team S.U.DStrofa:

Sei tu che non conosci non sono io che sbaglio

il mio non è un teatro e io non sono un personaggio

e non mi sento un bandito se ho fatto più di un viaggio

e se canti la bamba non me ne frega un cazzo

non faccio la morale lo sai che me ne fotto

ma se ti dico è merda è perchè io la conosco

e penso a chi sta là con le sue prime buste

con il suo primo conto senza le dritte giuste

i figli dei miei frà frateli dei fratelli

usati da un sistema che non ammette recessi

dove paghi ciò che prend al doppio d'interessi

e se sbagli ti ritrovi all'ombra dei cipressi

ora conta i decessi(conta) i dispersi(conta)

giochi a fare il g(ehy) forse è meglio che smetti

non amo i ferri e non amo la polizia

non amo chi parla troppo ha la voce della bugiaRit.x2

Quello che sono è scritto pesa le mie parole

l'ago della bilancia poggia dove tocca il cuore

parto dall'ultima scena dove finisce il copione

dove la vita vera scuote più di ogni finzioneStrofa:

Qua si comincia da bambini con i primi miti

quelli coi gradi alti ma senza distintivi

conosci i visi i modi voci e le storie

puoi trovare una leggenda quasi in ogni rione

è la realtà che tiene a bada e qua la fantasia

è un lusso che non hanno tutti anche nella poesia

e puoi viaggiare con la testa in un mondo migliore

fino a quando la vita ti sbatte in faccia il dolore

non sono i soldi che spendi i pezzi che stendi

spingi senza permesso non conti neanche più i denti

se parli dei movimenti parli dei blocchi che vendi

loro sono sotto casa ora è meglio che scendi

c'è chi ha visto la vita nel fondo di una canna

mentre stringe gli ochhi e prega Dio che non lo faccia

questa è l'altra faccia una delle tante

che distingue storie vere dalle puttanateRit.x2Se sai come funziona.....

pesa le tue parole pesa le tue parole

pesa le mie parole pesa le mie parole

pesa le tue parole pesa le tue parole

pesa le mie parole pesa le tue parole

Ääniaallot Tappaa Syövän - Absoluuttinen Nollapiste

Buono come il pane - Adriano Celentano

Mi picchio la fronte, sembra quasi impossibile

prima d'ora mai mi era successo di svegliarmi davvero

avevo quasi tre anni quando a mordere cominciai

il magnifico frutto della conoscenza

E ricordo che come un sasso - piombai

nel sonno profondo della mia - ipocrisiaE mi ero costruito una bella immagine di ragazzo per bene

di ragazzo che non si arrabbia mai, buono come il pane.e se qualche volta succedeva bastava solo che io mi pentissi

pensavo con questo di potere sfuggire alla rabbia che c'era in me

che c'era in me

che c'era in me

qualunque cosa facessi di male

colpiva solo la periferia del mio equilibrio

ma nel centro

rimanevo buono

E così continuando a sfuggire la mia rabbia senza mai analizzarla fino in fondo

potevo arrabbiarmi quante volte volevo sì, perché ogni volta dicevo

mi sono arrabbiato ma l'ho fatto per il suo bene..L'ho ucciso ma per il suo bene... sì oggi sono stato cattivo ma non lo sarò

mai più... e ogni volta proiettavo il mio ideale di "buono" nel futuro

per poter essere malvagio nel presenteE con quest'idea rattoppavo il buco di una bontà

che affogava dentro la mia ipocrisia

perché io non volevo accettare l'altra metà della mia natura

di uomo violento avido di sesso e possessivo.Ma ora che sono nel centro della mia rabbia

la isolo dal mio corpo e ora sono io che domino leiche domino lei...

e la posso strumentalizzare

a beneficio

di quella parte buona della mia natura

di ragazzo per bene

buono come il pane...Quel bel vestito che c'hai

non può nascondere la merda che hai dentro...

di fuori sembri croccante

come il pane fresco mentre dentro di te

c'è il vomito del tuo "io" putrido e puzzolente.

La terza guerra mondiale - Adriano Celentano

Ho Capito Che Ti Amo - Agnaldo Rayol

Manan Lapset - Ajattara

Tra Demonio E Santita' - Alberto Fortis

Parte 1 ... E nascondersi agitato

in un sacchetto spazzatura

col proposito di morte

tra le bucce e la verdura

ritrovarsi a pezzettini

su una tavola imbandita

dove ci sarai anche tu

e tutti i tuoi invitati che mi mangeranno

con le loro grandi grosse unte dita:

e penso a te

penso a te

che forse non mi mangerai

e penso a te

penso a te

che forse sazia piangerai

che schifo, amore, che mi fai

ma piantala di mangiare!

"ma come?! mentre mangio soffro, sai,

potrei anche vomitare"

se fossi in te ci proverei

mi salveresti ancora

"ma dai, ridotto cosi'

sei pronto per morire"

grazie lo stesso, amore, ciao,

comincia a deglutire

mi dirai che e' una stronzata

ma finiscono i problemi

e tanto la tua fede e' marcia

puzza e va bruciata

e' una pianta senza semi

l'ho sempre detto che avrei fatto il grande sbaglio

di comperare casa in via dell'ironia

e sopra il palco come un'asino castrato

adesso raglio

nel grande circo della melodia

sbagliare e' umano

e se non basta son pentito

dio mio, ti prego, fammi ritornare indietro

guarda che ormai e' tardi

tutto quanto e' stato seppellito

la tua vita non si chiama mica pietro

ma tanto no, non mi entusiasma neanche un po'

di tutta la mia giovinezza

di me stesso sono gia' il fantasma

in piu' privato di naturalezza

modestamente adesso i tempi son cambiati

e tiro ragli di notevole valore

faccio la vacca e mi sollazzo

con i giochi piu' impensati

e mi diverto con il corpo e col dolore

e se ti accorgi che loro han sbagliato

nel farti grasso tra demonio e santita'

ingrassa il figlio tuo di quel che ti e' mancato

ovverosia la sete di pazzia

d'inganno e crudelta'

PARTE 2 do l'impegno e do il coraggio

prendo i trucchi e le vilta'

nel mio patto

tra demonio e santita'

lui mi riempie di allegria

ha parlato dell'amore

si e' trovato in mezzo al fuoco

ridacchiando di quel dio

che ha sentenziato:

"no, non sei della forza mia"

l'ho abbracciato e lui mi ha detto

"bravo, puzzi di bruciato

prendi quello che vuoi"

e dopo aver pensato bene

a chi dei due era in errore

ho deciso e mi conviene

non e' poi quel grande orrore

e nascondermi agitato

in un sacchetto spazzatura

col proposito di morte

tra le bucce e la verdura

ritrovarmi a pezzettini

su una tavola imbandita

dove ci sarai anche tu

e tutti i tuoi invitati che mi mangeranno

con le loro grandi grosse unte dita

e penso a te

penso a te

che forse non mi mangerai....

e penso a te

penso a te

che forse sazia piangerai

che schifo, amore, che mi fai

piantala di mangiare!

"ma come?! mentre mangio soffro, sai,

potrei anche vomitare"

se fossi in te ci proverei

mi salveresti ancora

"ma dai, ridotto cosi'

sei pronto per morire"

grazie lo stesso amore, ciao,

comincia a deglutire

"che bella lingua

sei davvero piu' cattiva

e non dividi con nessuno la tua torta

peccato che tu sia vigliacco

e ancora vivo

e lei invece e' veramente morta"

dai non mi far del moralismo

sei tu che vedi sempre tutto quanto male

ricorda che si e' spenta ormai

qualsiasi forma di altruismo

e non parliamo poi della donna ideale

"il fatto e' che non ti va di ricordare

quando campavi ancora da studente acerbo

e sentivi lei gia' donna dire

"ti voglio sposare"

ma non eri tu l'oggetto del suo verbo"

adesso basta!

perdo sangue come un bue

e la tua mano nella piaga e' un frullatore

pero' se insisti e me la spacchi bene in due

vedi la storia del mio vecchio amore...

PARTE 3 "come va, con questo caldo,

dopo quello che hai sentito!?"

per un attimo scottavo,

ma e' passata, ho resistito

"si' e' cosi' che devi fare,

che morisse era destino

ma dimmi un po', papa' demonio,

ma non sara' che e' un po' meschino

ho sprecato tempo e amori

con la scusa di pensare

"ma figliolo, vai a donne,

vai a bere, va a mangiare"

e penso a te

penso a te

che forse non mi mangerai

e penso a te

penso a te

che forse sazia piangerai...

A Primma Vota Nuje  - Alessio